giovedì 7 settembre 2017

Lo Scalo17 e un bel libro alla Pagina27, la mia estate a Cesenatico.


L'aria che anticipa Settembre porta con sè ogni anno cambiamenti e voglia di fare, almeno a me.
L'anno prossimo Cucinopertescemo compie 10 anni (tantissimi, per una come me che dopo un po' perde entusiasmo per qualsiasi cosa) e sono quasi certa che pensieri sui cambiamenti si possano ritrovare ogni anno nei post dall'aria settembrina, intrecciati nei ricami di una frolla di una crostata ai fichi. Amavo questo periodo dell'anno quando ero universitaria, generalmente il 16 di Agosto tornavo su a Bologna e avevo casa vuota (quale altro pazzo sarebbe tornato su, con quel caldo) fino al 10 di Settembre. Era il mio tempo, potevo studiare, cucinare, fare la spesa e godermi la mia casetta in via Saragozza senza nessuno... ogni anno, puntualmente, in questo periodo, un po' mi torna la nostalgia di quei tempi, anche se negli ultimi due anni sono parecchio migliorata.


Un'altra cosa che amo fare a Settembre è perdermi fra i colori di Cesenatico, osservare come lentamente l'estate lascia spazio all'autunno, come le vie centrali tornino ad essere popolate dai locals che tornano a fare la spesa dai contadini a Piazza delle Conserve, fra casette pastello e piazzette nascoste. Quest'estate sono riuscita a tornarci molto spesso a Cesenatico, almeno una volta a settimana, scoprendo un produttore siciliano che vende pomodorini dolcissimi e capperi di Pantelleria e un'altra da cui ho trovato il Miele di Melata... il bello dell'estate è anche questo, preparare la dispensa delle cose buone per l'inverno.


Ho scoperto la mia libreria preferita sul blog di Sabrina, e non la lascerò più.
Ora, se devo prendere un libro di quelli che lascia il segno, prendo la macchina e arrivo fin là. Le parole contano, e contano molto, ci insegnano Stephanie e la mamma, francesi di origine e da sempre titolari di questo piccolo gioiello. E ieri, fra i vari discorsi, ho avuto la riconferma di qualcosa di molto di più: c'è chi possiede una vera e propria vocazione per il proprio lavoro, qualcosa che è come una calamita nei confronti delle altre persone, che prende tutte le sfere dell'essere. 
Una volta che si viene in contatto, con persone così, non si può che tornare per attingere un pochino di bellezza ogni volta.


Mi piace perdermi fra i colori delle barche sul meraviglioso porto leonardesco, soprattutto.
Accusavo però la mancanza di un bel localino non turistico in cui fare aperitivo, proprio lì, vicino a tutti quei colori. E' così che da Instagram ho scoperto lo Scalo17, la Piccola Bottega Portuale.
Non è stupendo già solo il nome? E' aperto dalla colazione al dopo cena, anche se io ci sono stata solo a fare aperitivo. Uno Spritz al Cynar per me e uno alla Zucca per mia mamma, per poi scoprire (ma solo da brille, sia mai che ogni tanto si possano evitare certe figure) che conoscevo il titolare, Lorenzo, e che ogni locale in cui mette mano diventa una piccola chicca.
Lo Scalo è proprio sul marciapiede del porto, tavolini sbrecciati come piacciono a noi Instagramers e fiori, brocche, caraffe, barattolini. Un vero Instagram spot, portuale.


Lo Scalo17 sarà aperto anche in inverno, e ha una piccola saletta, e un'altra più grande in cui poter fare la spesa di tante cosine che la Romagna offre, dall'olio, al Sale di Cervia, e altre piccole chicce. Io ho comprato la fregola sarda, che conoscevo quella normale ma non quella tostata.
Ad accompagnare l'aperitivo abbiamo scelto il piccolo piatto di salumi e formaggi, e atteso il calare del sole fra chiacchere e ricerca di appartamenti. Sì, quest'inverno ci saranno un sacco di novità.

Scalo17 | Via Corso Garibaldi 17, Cesenatico

SHARE:

Nessun commento

Template Created by pipdig